Loading...
X

Keep your distance!

Share

 

La misantropia, dal greco mísos, “odio” e ànthrōpos, “uomo”, è il sentimento antisociale di odio nei confronti del genere umano, accompagnato dal desiderio di solitudine e incapacità di prender parte alla vita sociale. Per qualcuno la misantropia è semplicemente uno stile di vita, per altri una vera e propria patologia, molti riescono a nascondere questo malessere, a me lo si legge in faccia. Il primo misantropo che conobbi in giovane età fu Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle, ammetto che parte del mio carattere lo devo a lui, l’ ho costruito attentamente dopo aver divorato le sue avventure, lette e rilette ho scoprire un uomo dalla psicologia perfetto, seppur con un carattere particolare e problematico, tanto da renderlo speciale. Si, avrei potuto assimilare e concentrarmi sulla sua intelligenza anziché sulle sue debolezze e fragilità (che ha sempre combattuto da solo) ma mi affascinava la sua diffidenza verso il genere umano, mi sentivo così vicina a lui con la nostra solitudine, il desiderio di circondarsi solo di poche persone e quindi la fiducia riposta nel dott. Watson che oggi mi ricorda la fiducia che io ho dato a poche persone e che frequento con gioia abitualmente. Più in là rimasi affascinata da un altro racconto, quello del “Dilemma dei porcospinidel filosofo tedesco Schopenhauer:

 «Alcuni porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini per proteggersi col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro. Quando poi il bisogno di riscaldarsi li portò nuovamente a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro fra due mali. finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.

Così il bisogno di società, che scaturisce dal vuoto e dalla monotonia della propria interiorità, spinge gli uomini l’uno verso l’altro; le loro molteplici repellenti qualità e i loro difetti insopportabili, però, li respingono di nuovo l’uno lontano dall’altro. La distanza media, che essi riescono finalmente a trovare e grazie alla quale è possibile una coesistenza, si trova nella cortesia e nelle buone maniere».

Ero completamente presa e convinta che all’ uomo basti solo il proprio calore interno per stare bene, non c’ è bisogno di dover avvicinarsi agli altri e di socializzare, perchè è proprio il socializzare, l’interazione tra più persone che porta il misantropo a stare male, non la paura dell’altro come erroneamente si pensa, non è una fobia sociale o l’ansia data da una prestazione, non è il sentirsi inferiori, è proprio odio, insofferenza nel dover trascorrere del tempo con altra gente. La mia tendenza alla rabbia, il fastidio nei confronti di chi non conosco o viceversa conosco fin troppo bene, mi hanno portata a definirmi: una persona che sta bene da sola, fin quando non incontra un’altra persona che considera meritevole e allora non ne può più fare a meno. Quando gli altri, amici(?), conoscenti, parenti, si offendono per il mio modo di essere così “solitaria” o perchè non passo mai abbastanza tempo con loro o perchè ignoro i loro messaggi e telefonate, mi portano a pensare che non hanno mai considerano realmente questa mia condizione di malessere sociale, ed è il motivo principale per il quale le mie amicizie sono sempre finite in modo tragico. Non è colpa mia che non riesco a far capire questo lato del mio carattere, ma la colpa mi azzardo a darla proprio agli altri che pur dicendo di conoscermi bene hanno sempre creato situazioni fastidiose (agli occhi di un misantropo) mi spiego meglio: in pochi capiranno che nel momento in cui il misantropo decide di andare a bere un semplice caffè, entra in quella condizione di autoconvincimento e accettazione del fatto che saranno Lui, Pinco e Pallino, ma se per quel caffè si presenteranno ad esempio altre due persone, allora tutto il lavoro di autoconvincimento va distrutto e ci vorranno  dai 10/15 minuti per accettare gli estranei o convincerlo a rimanere lì seduto senza fare molte storie.

1f32fea455d5f022a93b3b2006a2be5bLa maggior parte delle volte l’odio che provo per la gente è causato dalla gente stessa. Ho capito che quando qualcuno parla di se, tende a ingigantire il suo modo di essere e di vivere, essendo io al contrario una persona che parte sempre da -1, forse per non deludere gli altri (e me stessa principalmente) trovo fastidioso chi si dipinge come l’essere perfetto che vorrebbe far credere, ma non è; avete presente più o meno i genitori che incontrate al supermercato tra il cibo messicano e le piadine integrali che cominciano a raccontarvi la storia dei loro figli, a vantarsi dei loro successi aziendali, proprio quei figli che due ore prima avete visto in foto su facebook senza mutande a bordo bancone di un pub? Oppure quelli che si vantano della loro fama come il photoshoot della tipa “autoscattato” al parco cittadino.. e potrei continuare, ma odio scendere ai livelli di chi scredita gli altri e mette in luce i loro difetti, sto facendo un’eccezione per voi.. mi limito ad odiarli silenziosamente. Lo stesso odio che riverso su chi in comitiva prende di mira la persona che ha più debolezze e comincia a bersagliarla facendo notare a tutti i suoi difetti, mettendola così in imbarazzo, ferendola, credendosi superiore e simpatico, in genere chi lo fa è l’ ignorante del gruppo, quello che nonostante una laurea pensa che Schopenhauer sia la marca di uno shampoo.

Ditemi voi, non soffrite nel dover condividere i vostri spazi, magari anche il contatto fisico e le opinioni con determinate persone? Le feste poi, quanta sofferenza a Natale, Pasqua, Pasquetta e ponti vari, baci abbracci, sorrisi, lo stare insieme, per non parlare delle buone maniere, il sorridere sempre, fingere gioia quando in realtà non vediamo una persona da mesi e magari è pure buona norma chiederle “come stai?” quando non ce ne frega nulla, doverla magari aggiornare sulle nostre abitudini e interessi o peggio dover stare a sentire i suoi quando non ci importa se hai un lavoro di successo o non ne ha affatto uno, perché noi in quel momento non saremo lì ad ascoltarla.

Insomma, questa misantropia prendetela come patologia non come cattiveria, perché non è facile la vita di chi odia l’umanità, basta pensare che la mania piccola e bagnaticcia di un bambino sarà in grado di spiazzare anche il più convinto dei misantropi o che un sms in qui qualcuno disdice un appuntamento sarà l’unica cosa in grado di rallegrare la nostra giornata.

Leave Your Observation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. If you continue to use this site we will assume that you are happy with it. Ok